martedì 17 giugno 2008

Ciliegie: prunus avium

C'era una volta un uomo dedito al consumo sproporzionato di zucchero...viveva in un piccolo paese che campava sulle lobby con i produttori di zucchero e di dolcificante.
Quest'uomo ingegnava ogni giorni piani crudeli per rompere le uova nel paniere ad una povera gallinella...come alcuni attentati notturni per rompere la pompa che rifornisce metano alla uovo-mobile...e costringerla ad andare nel suo regno fatto di zucchero bianco.
La povera e dolce gallinella fu costretta a prendere la sua uovo-mobile e recarsi nel maniero di quell'uomo e nell'ordine:
superare il labirinto magico,
lottare con il leone a tre teste,
mangiare una fetta di torte all'albicocca,
combattere con l'orco del baracchino della frutta candita...
...ebbene la povera gallinella con le sue piume tremanti riuscì a superare tutte le prove e a tornare all'amato pollaio con il premio finale: una cassettina di ciliegie succulenti!
L'uomo, dopo questa avventura diventò più buono, diminui l'uso smodato di zucchero (anche se cercò di rifarsi con il dolcificante sintetico) e per espiare le sue colpe acquistò una cassettina di fichi finti...
-----------------

La ciliegia è nota per le sue proprietà benefiche: è un potente depurativo del sangue e disintossicante, drenante del fegato e delle tossine, è antinfettiva, antibatterica e lassativa. Contiene zuccheri ma in una forma (levulosio) adatta anche agli obesi e ai diabetici, ed è praticamente priva di grassi e proteine: l'ideale in un regime dietetico. Contiene vitamine A, B e C, sali minerali e oligoelementi preziosi (zinco, rame, manganese, cobalto). L'amarena, più acidula e amarognola della ciliegia, contiene le sue stesse proprietà, ma esaltate al massimo grado.Ammiccanti e gustose, le ciliegie si coltivano principalmente in Puglia, Campania, Veneto, Emilia Romagna, Lazio. Le specie che hanno dato origine a tutte le varietà coltivate ai giorni nostri sono due, il Prunus avium (la ciliegia dolce) e il Prunus cerasus (l'amarena).In tutte le varietà, dal Durone nero di Vignola, alla Mora di Cazzano, al Graffione bianco, alla Malizia Campana e così via, le ciliegie hanno la particolarità di non proseguire nella maturazione dopo la raccolta. Vanno acquistate ben mature, con i frutti turgidi e il picciolo fresco, per assicurarsi il massimo dal punto di vista del gusto e dei principi nutritivi.Una curiosità. La tradizione vuole che le ciliegie si mangino entro il giorno di San Giovanni, il 24 giugno: superata questa data, con il caldo afoso e l'eccessiva maturazione, possono facilmente ospitare piccoli vermetti bianchi, detti appunto "giovannini".
Tratto da Lifegate

CILIEGIE SOTTOSPIRITO


1 kg di ciliegie
1 limone non trattato
300 gr di zucchero
8 chiodi di garofano
4 pezzetti di cannella
1 litro di alcol a 90°
Lavare le ciliegie, stenderle su un telo, coprirle con un altro telo e asciugarle delicatamente. Tagliare il picciolo ad un cm dalla base, quindi sistemare i frutti nei vasetti in modo da riempirli senza superare i bordi. Lavare il limone e asportare la scorza, distribuirla nei vasetti, aggiungendo per ognuno due chiodi di garofano e un pezzo di cannella. Portare ad ebollizione 3dl di acqua a cui è stato aggiunto lo zucchero e farlo sciogliere. Fare raffreddare lo sciroppo e aggiungervi l'alcol. Versare sulle ciliegie, chiudere i vasi e riporli in un luogo fresco e buio per almeno un mese.

La ricetta è stata presa da uno speciale di Sale e Pepe sulle conserve...in realtà le dosi date per l'alcool e lo sciroppo di zucchero sono eccessive...dovevano venire 4 vasetti, io ne ho fatti 6 e in più mi sono avanzati circa 700ml di sciroppo alcolico....cosa me ne faccio? Per ora è in frigo, ma datemi un aiuto, perché l'altro giorno il galletto l'ha confuso per acqua e menta, e ne ha bevuto un sorsone, per poi sputacchiare per 10 minuti di seguito...
In un primo momento mi è venuto un colpo, convinta di averlo avvelenato con qualche mistura chimica, poi mi sono ricordata che io non uso detersivi pericolosi, ma solo ecologici e che al massimo si era bevuto acqua e aceto...e quindi ho sghignazzato per mezz'ora almeno, con tanto di lacrimoni luccicanti agli occhi!
Per altre ricette ciliegiose andata da Bri, che ha comprato solo 18 kg di ciliegie.
Consigli beauty:
- con 10 g di piccioli e ¼ di litro di acqua bollente, si prepara un infuso disintossicante e diuretico, particolarmente adatto per diete dimagranti;
- se conservate i noccioli di ciliegi, li lavate e li fate asciugare al sole, potete imbottire un piccolo cuscino da usare, scaldato in forno per 10 minuti o per 2 minuti al microonde, come borsa per l'acqua calda, scaldaletto, dolori reumatici, cervicale.
p.s. chi vede il mio gatto nella foto? ;)

24 commenti:

  1. Uh Lo... che buone le ciliegie!!! Ne ho appena mangiate una ciotolina!! Proverò anche la tua ricetta...
    ... e che dire... ma che bell'angioletto dietro il vaso... l'hai fatto tu??? ;P

    RispondiElimina
  2. Uh, l'infuso di piccioli di ciliegia... lo bevevo sempre dopo aver mangiato le patatine, quando ero giovane e saggia (erano la traduzione pratica di delizia e croce!)

    Da un po' di post non citi il ns comune amico Nico valerio (al se s-ciama acsè, lé vera?)... quando ero piccola e smarrita (e smagrita per il fai-da-te, il suo Cucina naturale mi ha salvato!)

    RispondiElimina
  3. uhh Marta ma come mai hai notato proprio quell'angioletto?? ihihi si è una cosucci ach eho fatto io...insieme a delle meravigliose amiche ;) un bacione

    uhh Claud...l'alimentazione naturale di nico valerio è un libro fantastico...non l'ho usato oggi, ma per pigrizia mia...non avevo voglia di fare il riassunto e ho trovato su lifegate questo articolo che trovo completo...ma s eno è il mio riferimento principale: l'avrò letto mille volte!

    RispondiElimina
  4. .... in quel "c'era una volta".... il pericolosissimo e temutissimo uomo zucchero-dipedente aveva già (ripeto "già") provveduto a redimersi dalla insana (??) pratica dell'iper-saccarosio-ingerimento ... e la storia raccontata dalla siffatta gallinella uovo-mobile munita, termina con un piccolo gattino spaventato (altro che leone a tre teste), un povero commerciante quasi trattato male (l'orco del baracchino della frutta candita) e l'uomo "alleggerito" della sua ultima fetta di "buonissima" torta alle albicocche" immensamente apprezzata da una gallina, che con grande soddisfazione è rientrata al suo pollaio con la pancia piena e la la uovo-mobile carica di piccole delizie rosse.
    ...e ora una domanda viene spontanea.... riuscirà mai in futuro la citata pennuta a tornare in quel "piccolo paese" e approvigionarsi di "Prunus armeniaca"???? chissà!!!!

    RispondiElimina
  5. aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah la mia gallinella loryyyyy!!!
    esattamente così!!!
    è proprio a questo che servono i piccioli e i nocciolini!!!

    quello dei piccoli l'ho letto su un giornaletto di cucina(cucina no problem, o cucina facile, oggi cucino io..o domani fai te...non mi ricordo..oi oi)

    ma quello dei nocciolini..me l'ha detto inge..la turista tedesca che è venuta in camminata con me domenica. piccolo il mondo..sempre i stessi rimedi..hihihi.

    adesso tu hai dato i consigli..ed ti linkeròòòòòòò
    ma io sto facendo asciugare i nocciolini...voglio provare
    ho messo in infuso i piccioli....
    (ps...l'acqua dei piccioli..fa schifo..speriamo che faccia bene valà!! eheh)
    poi posto un pò di foto.


    bacioniiiiiiii

    RispondiElimina
  6. Devo ammettere che i tuoi post sono sempre davvero interessanti. Ad esempio queste non sono mai stata capace a farle, vabbè non ci ho mai manco provato, però a naso, secondo me, senza il tuo post mica ce l'avrei fatta!

    RispondiElimina
  7. e brava gallinella pure le ciliegie sotto spirito...mangiane poche.....che tu sei già spiritella abbastanza.....il sacchettino con i noccioli ce l'ho...comprato a Brunico
    e funziona, bacioniiiii!

    RispondiElimina
  8. di ciliegie ne sto facendo vere e proprie scorpacciate in questi giorni! Sono i miei frutti preferiti! Che ridere la guerra col forno! Un bacio!

    RispondiElimina
  9. Buongiorno Lo...tutto ok?....bellissima la fotina della ciliegia...le adoro e stavo giusto aspettando di vedere calare i prezzi qui sono ancora troppo alti...fortuna qui ha l'albero in giardino!!! ^_^

    ps: sono andata a dare qualche consiglio all'uomo dedito al consumo sproporzionato di zucchero....

    RispondiElimina
  10. uhhhhhhhhhhhhhhhhhhDario siamo permalosetti eh????..ma soprattutto quanto siamo scemi???? però tu tieni d'occhio l'orco che voglio le prunus armeniaca....se no gli spezziamo le ditina???? ;)

    ciao Bri!!! entrambi i rimedi li ha provati la mia bella Mi...esperta di cure naturali...la tisana fa fare un sacco di plin plin...e il cuscino serve davvero...lei ha usato i noccioli del suo ciliegio! aspetto le tue foto un bacione

    Ma dai Gì...non ci credo...però è carina l'idea delle ciliegine conservate...in realtà mi sarebbe piaciuta la marmellata, m al'idea di snocciolare tutto...poi Bri mi ha svelato il trucchetto...e se ritrovo le ciliegie ci provo...ma quanto costano????

    uhh Astrina...dici ch esono spiritella...già di mio..e ch eio ho sempre preferito i rimedi naturali all'uso di sostanze chimiche...ihihih mi autoproduco la scemenza...

    Viviana bentornata...ti ho pensata tanto e qualche volta andavo a vedere il tuo blog e il tuo calendario in attesa...come stai??? tutto bene? un bacione

    Mari tesoro...quasi tutto ok...la fotina è stata presa dalla rete...che io non sono mica così brava...anche da noi le ciliegie costano tantissimo...giusto quell'omino lì aveva una buona offerta...come sta il tuo albero? Da noi per troppa pioggia pochi frutti...
    p.s. hai fatto troppo bene quell'uomo h abisogno diessere guidato!

    RispondiElimina
  11. è dietro la tenda!! è dietro la tenda!! visto!! visto!!
    ho vinto qualche cosa??

    RispondiElimina
  12. non sapevo dell'infuso dei piccioli di ciliegia...io le adoro le ciliegie:-) un bacio e complimenti per le ciliegie sotto spirito
    Annamaria

    RispondiElimina
  13. Grazie Annamaria...pensa che i piccioli te li vendonoin erboristeria come tisana drenante...

    uhhh Ines....tesorina...ihhh non è dietro la tenda ihihhi

    RispondiElimina
  14. Lo, inebrianti queste ciliegie, più di un calice di champagne, lo sai che è da un po' che pensavamo di farle! Bella l'immagine della fetta d'anguria in un campeggio d'estate.
    Baci dal mare.
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  15. tra un po' ci saranno anche ottime amarene, prugne, susine ed albicocche.
    scegli il tuo frutto ed imbarattola come le ciliegie, così potrai utilizzare lo sciroppo rimasto e conservare un po' di sole per i giorni grigi:-)
    hai una uovomobile? bella! di che colore è?:-D

    RispondiElimina
  16. ciao lo mi sono informata sul country painting è davvero bello ma è difficile? è una tecnica ke possono fare tutti?? mi piace tantissimo vorrei imparare a fare qualkosina oggi vado a vedere se trovo qualke giornale del country painting e lo provo subito a fare ^_^
    baci baci veronica

    RispondiElimina
  17. ciao Sabrina, ciao Luca...che bello dal mare! :)

    Grazie Sunny...sto aspettando le albicocche..ma per ora hanno un prezzo assurdo...poi spero di combinare qualcosa un abbraccio

    Veronic ahai visto che carino...ti ho scritto sul tuo blog..ma se hai bisogno chiedimi tutto! grazie per le ciliegie un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Mangerei ciliegie tutto l'anno,le amo follemente!
    Proverò la tua ricetta con quelle dell'albero della mia nonna,sono sicura che verranno buonissime.
    Ti abbraccio foooorte.:-)

    RispondiElimina
  19. uhh burrina anche io sono golosissima...smetto di mangiarle solo per iniziare a mangiare anguria...con le ciliegie della nonna saranno fantastiche! ;)

    RispondiElimina
  20. iihiihih che risate Lo!!!!


    che buone le ciliegieeeeeeeeeeeeee :-*

    RispondiElimina
  21. Grande Lo!!!!!!!!!!!!!!!
    Buonissime, io le adoro....
    kisssss

    RispondiElimina
  22. hai ragione buonissime...anche io le adoro ..peccato che costano tanto

    RispondiElimina