martedì 20 maggio 2008

Prezzemolo: petroselinum crispum

E' arrivato da un po' il prezzemolo fresco sulle nostre tavole, un ingrediente un po' magico per la sua capacità di stare dappertutto. Quando mi sono avvicinata alla cucina naturale e ho iniziato ad usare le erbe aromatiche per insaporire, ma ancora non le conoscevo veramente e non le sapevo apprezzare, mi capitava di immaginare con quale erba colorare ciò che stavo preparando...è la risposta più ovvia è sempre stata il prezzemolo! Fortunatamente ora ho affinato un po' il mio palato e nella mia cucina sono numerose e sempre di più le aromatiche che insaporiscono il cibo.

Ciò non toglie che il prezzemolo sta davvero ovunque...e soprattutto è di facile coltivazione! Cresce in un bel vaso, nel giardino , sul balcone, lo tagliate e rispunta, non richiede molto tempo e grandi cure...si fa da sé, a patto che sappiate sopportare il lungo periodo silente in cui i semi del prezzemolo mettono le radici e decidano di germogliare! In quel periodo di attesa, quando giorno dopo giorno non vedete spuntare un bel niente, ci si sentirà dei mostri il cui pollice verde tende al nero funesto, ma tutto torna brillare verde speranza quando spuntano le foglioline ritardatarie!

-------
E' ricco di Ferro, e vitamine A, B, C e K. Stimola l'appetito e la digestione ed è antianemico. Ha leggere proprietà anti febbrili. E' diuretico e depurativo, per cui è indicato nella gotta, nel reumatismo, negli edemi, nelle ritenzioni urinarie. Per uso esterno è galattofugo (frena o arresta la portata lattea) ed è indicato contro le piccole contusioni e punture di insetti.
Al momento dell'acquisto, come per tutte le piante, usate fresche per insaporire i cibi, vale la regola del colore. Brillantezza delle foglie ed assenza di parti gialle denotano freschezza e garanzia di sapore. Può essere facilmente congelato. Dopo averlo sminuzzato con il tritatutto, va posto negli scomparti delle vaschette per fare i cubetti di ghiaccio, premendo bene per compattare il trito. Fatti congelare,vanno estratti dalle vaschette e riuniti in sacchetti di plastica. Può essere anche essiccato.
E' presente nella storia dell’alimentazione e della medicina già dai tempi degli antichi Greci che lo usavano per incoronare i vincitori dei Giochi olimpici. Per gli Etruschi, esperti apicoltori era una pianta magica, usata per lenire le punture delle api. I Romani ne facevano ghirlande per gli ospiti e lo diffusero in tutta l'Europa.
(tratto da AIAB.it)
GNOCCHI ALLA RICOTTA CON PREZZEMOLO
250 gr di ricotta fresca
200 gr di farina 00
prezzemolo fresco
latte
sale
Lavorare la ricotta con una spatola fino ad ottenere una crema liscia e omogenea. Aggiungere la farina, il sale, il prezzemolo fresco ed eventualmente un po' di latte, se l'impasto dovesse risultare tropo duro. Ricavare dei rotolini e tagliere a pezzetti. Cuocere in acqua salata, scolare e condire con il burro e il formaggio grattugiato.
La ricetta è in sé davvero banale, ma udite udite...erano i primissimi gnocchi della mia vita (perché non conto delle ciabatte gnoccolose fatte anni fa con la zucca) e i primissimi con la ricotta...non li avevo mai mangiati, ma Annamaria mi aveva incuriosito con i suoi. Qui nel pollaio non amano gli gnocchi, volevo sperimentare questi...per vedere se cambiando apprezzavano. Sarà che sono diversi, sarà che li ho fatti io, ma nessuno ha fatto la solita faccia mesta, quella che ti aspetteresti davanti ad una minestrina di dado, non ad un piatto fumante di gnocchi...questi sono andati giù per il gargarozzo che era un piacere! Non ho voluto condire in modo particolare proprio per apprezzare il sapore del prezzemolo.

31 commenti:

  1. Ecco perche la mia nonna siciliana in dialetto lo chiama PETRUSENO!!
    Ciao Lo!! Tanti bacini:)

    RispondiElimina
  2. quante belle informazioni mi dai sempre... e come è vera l'ansia dell'attesa... finalmente è spuntata l'erba cipollina e io ora mi sono rilassata :-)))) questi gnocchi li proverò sicuramente nella cambusa non vanno molto sopratutto a Pietro e Lucia ma magari questi con un sapore diverso... chissà... baci cara!!!!

    RispondiElimina
  3. Anche io adoro il prezzemolo (e non amo gli gnocchi!)... quando mi scordo di comprarlo mi incavolo!

    RispondiElimina
  4. grazie per le tue belle parole di sempre..un bacione enorme!!

    RispondiElimina
  5. Un vero e proprio inno al prezzemolo :-)

    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  6. adesso sarò io a copiare la tua ricetta...devono essere favolosi:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  7. Ciao Lo! nemmeno io con la ricotta non li avevo mai mangiati! ma credo che siano ottimi, no? :-D
    Sempre grande per le informazioni:)
    Buona giornata!
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. ciao fortissima!!! vedi che c'è sempre un perchè ;)

    evviva Ely...è nata la cipollina...sono contenta..te l'ho detta a me da seme mai nata...fammi sapere se la cambusa se li gusta...al pollaio sono piaciuti

    nooooooooooo Claud non incavolarti...seminalo sotto le piante delle rose cadenti e rampicanti.... ;)

    un bacione a te Silvietta bella!

    ciao Aioluk ben tornata!!! w il prezzemolo!

    Dolce Annamaria mi farebeb davvero piacere se li provi in questa versione! Io ringrazio te per la formidabile idea!

    Carla carissima...si sono formidabili..da provare! :)

    RispondiElimina
  9. Così non li ho mai preparati.....devo rimediare, no?????
    Un bacio e buona serata!

    RispondiElimina
  10. Devono essere buoni gli gnocchi...poi se il prezzemolo cresce bene posso anche provare a piantarne un vasetto sul mio futuro balcone...

    RispondiElimina
  11. che buoni gli gnocchi alla ricotta mai provati e neanche mai mangiati..........però mi stuzzicano! un bacio Pippi

    RispondiElimina
  12. Cara Lo, aiutami tu!
    ma la carta oleata che cos'è?
    è la carta fa forno?
    sono la stessa cosa?
    se non sono la stessa cosa, dove si compra la carta oleata?

    Fiduciosa,
    un bacio e buona seraTA!

    RispondiElimina
  13. Ciao Maddea benvenuta...rimedia!.. e poi mi fai sapere! a presto

    ciao Laura...si sui balcone in una bella cassettina cresce benissimo!

    ciao Laura\Pippi...si proprio quello che ho pensato io quando li ho visti da Annamaria...;)

    uhhhhhhhh Fortissimaaaaaaaaaa io penso che siano la stessa cosa...ma dove e come ti serve...mai sentita la carta oleata...ho sentito la carta vegetale...ma guardando su internet...credo che si possa usare la carta forno!!! ohhhhh

    RispondiElimina
  14. ma come ti sono venuti bene!!!!!
    mi piacciono..sono semplici e hanno l'aria di essere buoni!!! ti faro' sapere!!!!

    RispondiElimina
  15. Gli gnocchi...che acquolina in bocca!

    RispondiElimina
  16. dai Dario fammi sapere...qui non hai nemmeno lo zucchero da aumentare ;)

    ciao Stella bentornata...si sono semplici e buoni! :)

    RispondiElimina
  17. interessante la storia del prezzemolo , buona giornata

    RispondiElimina
  18. ho letto il commento di lafortissima e anche mia nonna lo chiamava cosi ciao

    RispondiElimina
  19. Ciao Lo!!
    L'ho fatta l'ho fatta!!
    Ho fatto la tia marmellata fragole menta e pepe!! Yeeehhhh!!
    Adesso i vasetti sono lì sotto la coperta.. stamattina ho infilato la manina ed erano ancora caldi:) La gatta furbastra c'ha dormito sopra.. con quel bel calduccio!!
    Mi sa che ho esagerato col pepe però.. speriamo sia buona che volevo regalarne un vasetto alla docissima mamma del fortissimo!!
    Speriamo che oltre alla menta (che ho tolto come diceva quella signora) si senta anche l'amore!! Tanto!!

    PS: la carta oleata l'ho letta nella ricetta in cui ti eri ispirata. quella di cui hai messo il link nel post. ma quella ricetta mi sembrava troppo professionistica e allora ho fatto con professionalità la tua;)

    Tanti baci!!

    RispondiElimina
  20. Di nuovo qui ^______^
    Mi sono dimenticata di dirti che per fare la tua marmellata sono andata a comprare lo zucchero Equosolidale e l'agar agar nel negozio di Pasquale!! Proprio come mi hai detto tu:)
    Epperbacco, o le cose si fano bene o se no è meglio non farle;)

    Ricciaoo!

    RispondiElimina
  21. ciao Marcella tutto bene? buona giornata anche a te

    Fortissima mi hai emozionato: davvero hai fatto la marmellata??? Voglio sapere quanto è buona!! Fammi sapere se si sente la menta, anche togliendola! Hai fatto bene a seguire i consigli di Bri: lei è il guru delle conserve!! Un bacione alla micia che ha covato i vasetti!!! Vedrai sarà perfettà: è buonissima sul pane e nelle crostate, ma anche con il formaggio!!! Sei una grande: zucchero equo e agar agar...l'ho usata l'altro giorno per una torta fredda allo yogurt al posto della schifosissima colla di pesce ed è venuta perfetta!
    Io avevo professionalmente omesso di leggere carta oleata sulla ricetta di Spilu, ora vado a salutarla e le chiedo cos'è! Carissima amica virtuale di abbraccio fortissimo! :)

    RispondiElimina
  22. sìì!! non vedo l'ora di andare a casa ad assaggiarla!! spero tanto di non avere esagerato con quel pepe.. gulp!
    ehi, ma mi sa che non te l'avevo detto che ho fatto anche il tuo dado vegetale in autoproduzione!!
    ma sì che te l'avevo detto!! ^_______^
    lo uso sempre!! sai quante pastine la sera quando non ho tempo e voglia!! e il brodino va giù che è un piacere!!

    RispondiElimina
  23. evviva anche il dado vegetale...devo proprio rifarlo anche io...sono a mezzo vasetto alal fine della scorta: ohi ohi!!! ma quanto pepe hai messo, cara peperina??? :|

    RispondiElimina
  24. siccome ho il barattolino del pepe in grani che non si può aprire e il tappo è già un macinino.. non potevo contare i grani e allora ho sgrattugiato a occhio.. 10 grani.. quanto saranno 10 grani in grammi? io non lo so quanto ne ho messo.. una montagnetta piccolina.. speriamo non sia troppo!!
    pensavo.. se dovesse essere troppo potrei comprare altre fragole e ribollire tutto insieme così il pepe si diluisce, che ne dici mio guru della cucina?
    potrebbe funzionare come idea risolutiva?

    RispondiElimina
  25. 10 grani è esattamente quello che dice la ricetta che ho messo...cioè per due kg di fragole...secondo me è perfetta!!!! ma nn farmi stare in pena fammi sapere com'è appena assaggi!!!!

    RispondiElimina
  26. La farina manitoba deriva da un particolare tipo di granodi origine americana\canadese. E' più ricca di glutine e quindi si dice che è forte, perchè aiuta a lievitare meglio pane, pizze, focacce. Io la uso da quando l atrovo al mulino di cunardo: ha un buon prezzo e mi hanno detto ch eè italiana. Prima non la compravo mai, ho sempre sostituito con farina 0, senza avere mai problemi, ma lievitando tutto! te capì, pupa?

    RispondiElimina
  27. BBBBBBBBuuuoniiii...con la B maiuscola!!!
    baciozzoloni

    RispondiElimina
  28. si si BUONIIIIIIIIIII cara Simo ;)

    RispondiElimina
  29. il prezzemolo non l'ho mai avuto sui miei davanzali, ho sempre preferito, non so perchè, basilico, rosmarino, maggiorana e perfino cedrina...ma a questo punto penso che rinuncerò ad una petunia e inizierò con una piantina di prezzemolo!
    I tuoi gnocchi sono fantastici, con questi ingredienti non li ho mai assaggiati.

    RispondiElimina
  30. Geillis....dai metti anche il prezzemolo...ma porta pazienza ci mette una vita a germogliare!!!;)

    RispondiElimina
  31. This is my first time visit at here and i am truly
    pleassant to read all at one place.

    My page :: come dimagrire in fretta

    RispondiElimina