mercoledì 14 maggio 2008

Amaranto: amaranthus lividus e hybridus



Sveliamo il mistero: "annudiamo" (neologismo di gnomo rosso per dire svestire, togliere tutti gli abiti) l'amaranto!
Ecco quello che c'è scritto sulla confezione:

AMARANTO ROSSO IN CHICCHI distribuito in Italia da Commercio Alternativo.
Cereale antichissimo l'amaranto costituiva la base dell'alimentazione di Incas, Maia e Aztechi già tremila anni fa. Le civiltà centroamericane lo veneravano e gli attribuivano forze misteriose. Per le suE connessioni con la magia i conquistadores spagnoli ne vietarono la coltivazione punendo con il taglio della mano chi lo commerciava. Con lo sterminio di queste civiltà anche l'amaranto scomparve quasi del tutto. Riprendendo l'antica tradizione, gli agricoltori boliviani coltivano questa pianta tra 2500 a 3300 metri sul livello del mare. Resistente anche nelle più difficili condizioni climatiche, questa varietà di amaranto colora con i suoi fiori rossi la valle di Redencion Pampa, nella regione di Choquisaca, in Bolivia.
L'amaranto è un alimento moto versatile: può infatti essere usato in insalata, con verdure cotte e crude, in zuppe al posto della pasta, tostato lo si può aggiungere allo yogurt insieme alle noci, ai fiocchi di avena, mandorle per un ricco muesli. macinandolo si ottiene una farina con la quale si possono preparare dolci, pane, biscotti. La farina di amaranto rosso è particolarmente adatta a questo uso, anche miscelata alla farina di grano.


Ecco quello che c'è sul mio librone:
L'amaranto è un seme consumato come cereale, di provenienza americana (Messico e Centroamerica) domesticato verso il 1000 a.C. e molto comune, sembra, ai tempi della civiltà degli Incas. E' buono in cucina non soltanto per le sue foglie, simili nell'impiego gastronomico agli spinaci, e la sua infiorescenza, entrambi ricche di proteine, carboidrati e sali; ma anche per i suoi minutissimi semi ricchi di amido e di proteine- Il seme è ricco del 12,7 % di acqua e di ben 16,6 proteine, un primato tra tutti i cereali. E' ricco dell'aminoacido lisina, raro tra i cereali: ne bastano 100gr per soddisfare il bisogno giornaliero. Non contiene glutine.
(Informazioni tratte da L'alimentazione naturale di Nico Valerio)

La lisina favorisce la formazione di anticorpi, ormoni (come quello della crescita) ed enzimi; è inoltre necessaria allo sviluppo e alla fissazione del calcio nella ossa.
La lisina è importante anche come precursore di una importante vitamina, chiamata niacina, vitamina B3 o PP.
Io vi posso dire solo che è BUONO!!!

35 commenti:

  1. Grazie Lo, non la sapevo questa dell'amaranto, l'avevo visto al bio ma non sapendo che farci non l'ho preso!
    razie per info:)))
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Oh, brava Lo! Per fortuna che hai svelato l'arcano!
    Mai visto e mai mangiato...

    RispondiElimina
  3. uhhh!!! finalmente ho visto come si vende l'amaranto!!!!
    bene ...adesso che l'ho visto...devo solo trovare dove andare a comprarlo..... (ma io in questo periodo.....potrei mangiarlo???...tu sai perchè)

    RispondiElimina
  4. Carl abellissima...prego!!! se lo fai ci racconti vero???

    Spilu dobbiamo mangiarlo allora!

    Dariooooooo lo compri alla bottega del commercio equo...sai dov'è la più vicina a casa tua???

    RispondiElimina
  5. aluraaaaa sul mio c'è scritto :
    è uno dei cereali più antichi già 3000 anni fà il seme di questa meravigliosa pianta rosso porpora costituiva la base alimentare delle civiltà centro-americane. E' privo di glutine ricco di proteine vegetali di pregiata qualità e di lisina ( un amminoacido essenziale che risulta presente in percentuale più elevata che negli altri cereali) se vi èuò servire :-) buona serata!!!

    RispondiElimina
  6. quello che ho io è questo vi allego la scheda tecnica :-)
    http://www.baulevolante.it/pdf/SCH001.pdf
    Lo spero di non intromettermi troppo, se l'ho fatto scusa!!!!

    RispondiElimina
  7. non potevo non dirvelo e voglio provare :-))
    Amaranto scoppiato
    Alcuni ricettari assicurano che riscaldandoli brevemente (meglio se in pentole antiaderenti o a fondo spesso) i semi d’amaranto scoppiano, ottenendo così una sorta di pop-corn ideale per muesli, croccanti e pasticcini.

    RispondiElimina
  8. premio premietto... passa di qui che ti aspetto...
    http://lagolosastra.blogspot.com/2008/05/yuppi-yuppi.html

    RispondiElimina
  9. Ely...ahahha mi fai troppo ridere...comunque non ti distrarre, ricordati abbiamo un duelloa suon dipolpette da concludere! un bacione

    ciao stella benvenuta...ora vado a nanna ma giuro domani passo da te! :)

    golosastraaaaaaaaaaa CRI!!! mi stavo giusto chiedendo dove cavolo eri!!! un bacioneeeeeeeee e arrivooooooooooo e grazieeeeeeeeee

    RispondiElimina
  10. Sai Lo che non l' ho mai preso in considerazione non so perchè, ho provato il kamut e la quinoa, ma l' amaranto mai.... farò un giro nel negozio di prodotti bio ed equi:-)

    RispondiElimina
  11. Adesso so cos'è!!!!!!!!!!
    Grazie Lo

    RispondiElimina
  12. E' sempr bello conoscere qualcosa in + di questi prodotti...grazie Lo!

    RispondiElimina
  13. Non l'ho mai provato ma dopo aver visto quel bel piattone lavico e letto il post non posso non prenderlo......sò troppo curiosa!!

    RispondiElimina
  14. Caspita Lo...io nonl'ho mai visto in giro ma dove si compra? in erboristeria?
    ciao pippi

    RispondiElimina
  15. daccordo Lo, quando ho un pomeriggio semi-libero ti avviso!!!! baciuz e buona giornata!

    RispondiElimina
  16. Ciaooo!
    Più tardi devo fare un salto al negozio bio che ho sotto casa,e voglio proprio provare l'amaranto.
    Grazie Lo,sei sempre una miniera d'informazioni!
    Ti baciooo

    RispondiElimina
  17. Eccomi qua ad accrescere la lista di quelli che l'hanno visto ma non l'hanno comprato perchè non sapevano cosa farci.
    Ora ho in mente un paio di ideuzze e spero di poterle realizzare quanto prima.
    Ciao Lo, a presto.

    RispondiElimina
  18. Grazie per questa informazione...in effetti l'amaranto mi era abbastanza sconosciuto...

    RispondiElimina
  19. Ma il tuo è rosso?!
    Ma va?!
    Il mio è pallidissimo... anemico.

    RispondiElimina
  20. Sai che non lo conoscevo... Ogni tanto vado al negozio bio,provo volentieri cose nuove ma mi deve essere sfuggito... Sono curiosa.
    Grazie!
    Silvia

    RispondiElimina
  21. ugh, ma sei qui :O io continuavo a commentarti nell'altro blog! sono tuonata??

    ma che forza sto amaranto equo solidale, mai provato!! :D

    RispondiElimina
  22. Provalo Rosy...perchè a parte i miei pasticci è davvero buono! ;)

    Simo!!!! Fico e Uva....sono felice di essere stata utile:)

    Eleonora...e se lo provi poi mi fai sapere...mi piace piatto lavico!

    Ciao Laura...si in un'erboristeria con aliemtni naturali secondo me lo trovi o nei negozio bio o nelel botteghe del commercio equo

    Bene Ely rimango in attesa!;)

    Burrina bellaaaaaaaaa...davvero lo prendi? wow

    Evviva anche Sunny lo prova...non è che ci sarà un incremento di vendita dell'amaranto in questa settimana??? Tutto bene cara?

    Laura....meglio provare no??? ;)

    si si Claud è rosso...così rosso che lo si intravede anche in trasparenza nelle comode buste di carta che lo contengono...in effetti c'è anche pallido, m aqui non l'ho visto!

    dai Silvia prova!!!...se tutti provano sai quante ricette nuove arrivano???

    oddio Arietta in che blog mi commentavi?????? il vecchio comò??? troppo ridere se è così ;)

    ahahah dopo tutti i vostri commenti...direi che l'AMARANTO E' SUPERSEXY!!!!
    un bacione a tuttissimi!!!

    RispondiElimina
  23. eccomi!! come ti posso essere utile??
    assaggiando??
    siiiiiiiiiiiiiiiiii!!!
    bacioniiii

    RispondiElimina
  24. per non destare sospetti proverò a comprarlo lunedì (sperando di restare in zona ufficio nella pausa pranzo)ho scoperto uno splendido e fornitissimo negozio bio a poche centinaia di metri dal mio ufficio e ci si può anche fermare a pranzo o per una pausa dolce.
    fin'ora mi sono limitata a sbirciare tra gli scaffali ed acquistare varie specialità ma appena potrò mi fermerò ad assaggiare in loco.
    Qui tutto bene, Lo.
    E' solo un periodo più frenetico del solito ed arrivo a casa strutta strutta da non aver voglia neanche di aprire una scatoletta, sigh!

    RispondiElimina
  25. ahah si Bri assaggia!!! che bello quando passi da me! un abbraccione

    Sunny ma che bella notizia...un negozio così deve essere davvero carino...ma dove si trova esattamente? cioè...non so nememno di che città sei.........uhhhhhh
    I periodi di corsa e frenetici tolgono le forze...bisognerebbe dire stop..un bacione

    RispondiElimina
  26. Si chiama Canestro ed è a Roma nei pressi di Corso Trieste, e ce n'è anche un'altro, nei pressi del Lungotevere, al quale sono particolarmente affezionata, L'Albero del Pane.

    RispondiElimina
  27. wow grazie Sunny...devono essere davvero carini...hai fatto bene a mettere gli indirizzi...così magari a qualcuno interessa! buon weekend di relax! un bacio

    RispondiElimina
  28. accidenti anche amaranto, grazie per avercelo fatto consocere

    RispondiElimina
  29. ciao Gunther...benvenuto e se provi l'amaranto avvisa! ;) a presto

    RispondiElimina
  30. Anche io non sapevo nulla dell'amaranto!!
    Mi sa che qui dove abito io se vado a chiederlo in un negozio anche specializzato in alimenti bio non sarà possibile trovarlo, comunque posso tentare.... magari a Torino!!
    Ciao
    Grazia

    RispondiElimina
  31. credo che a Torino lo torvi di sicuro...io l'ho preso alal bottega del commercio equo! buona fortuna :)

    RispondiElimina
  32. Dal mio libro:
    Amaranto - "E' il cibo degli dei" e merita un'attenzione particolare. Il suo potere curativo è paragonabile solo a quello del ginseng. Il suo potere nutrizionale è superiore a quello di tutte le piante. Era la coltivazione principale degli Incas, degli atzechi e dei Maya. Dell'amaranto si mangiano le foglie, la farina prodotta dai semi e l'olio. Rinforza il corpo e lo spirito, aumenta la vitalità, migliora l'umore (contiene serotonina).
    Depura l'organismo e suscita una sensazione di leggerezza nel corpo. E' l'antiossidante più potente che esista in natura. Mantiene giovani (e lo dimostra con se stesso, perché mantiene lo stesso aspetto durante tutto il periodo della sua vita). Le proteine dell'amaranto per qualità e valore superano tutte le proteine di origine vegetale e animale. Ricchi di proteine sono sia i semi sia le foglie.
    Contiene molte vitamine e minerali, soprattutto calcio e fosforo. Rafforza il sistema immunitario, elimina attivamente le tossine ed è quindi particolarmente utile per coloro che vivono in grandi città e per coloro che lavorano in contesti produttivi tossici. Il tè con le pannocchie di amaranto è un rimedio universale di cura e profilassi.

    RispondiElimina
  33. dimenticavo la fonte...
    Ciò che ho scritto prima è tratto dal libro Transurfig Vivo di Vadim Zeland.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio per aver ampliato il contenuto di questo post ....devo pensare che sei Vadim?

      Elimina