giovedì 10 aprile 2008

Torta di mais, cioccolato e albicocche

Ecco...è successo...nonostante la presa stretta della mia mano, piano piano, ho sentito la sua scivolare via e andare lontano...ancora una volta lo gnomo bruno ha preso la via per quel mondo fumoso e appiccicoso dove si rifugia...abitato da orchi e spiriti maligni, travesti da fiori e da fate, che gli sussurrano di restare, di fermarsi. Gli offrono su un piatto d'oro il frutto della paura, circondato da foglie di ricordi vividi e marci.
Lo chiamiamo, ma serve a poco. Ha lasciato qui la sua forma...quel corpicino magro che cerca di eseguire, come un burattino, i gesti del quotidiano, ma che compie strane danze e rituali per costruire invisibili muri di difesa...muri di nebbia e di soffoco. Se alziamo il nostro tono...il corpicino non sa cosa fare...si blocca, si perde, si ferma...e i pozzi della sua anima diventano laghi neri e profondi.
Fa male guardarlo e aspettare che decida di iniziare a cercare una strada...per ora non sente...le orecchie piene di bambagia si trastulla con i sussurri e si riempie di quel piatto.
Non sappiamo come fare.
Aspettiamo. Lo chiamiamo.
Cerco nuove energie per dopo. mi ricarico o almeno ci provo. Tenere la presa in questi giorni non è stato così facile, piano mi sono stancata. Ora la pioggia cerca di lavare via, so che è il tempo di purificarsi.
Cerco di fare qualcosa per me...impasto, mi sporco di farina...ma non basta...sento che guizza la voce di qualcosa di nuovo...è difficile aspettare, ma è importante...non ho un granché...quasi tutto è finito...solo sacchi mezzi vuoti e fondi di scorta e un singolo uovo. Ma sono risorse, sono formule magiche...da quello che c'è, si può fare.
Invento, ci provo....cerco di fare molto lentamente...setaccio la farina per tre volte...cerco la calma del ripetere...mi concentro...per fare bene ogni singola cosa.....monto piano ogni ingrediente, ci metto cura e perizia...voglio essere concentrata..solo su quello che faccio...svuoto la testa dai pensieri e faccio spazio... e intanto aspetto.

TORTA DI MAIS CON CIOCCOLATO ED ALBICOCCHE




farina di mais fine 200gr
farina 00 100gr
1 uovo di gallina allevata a terra e in libertà
ricotta 250gr
zucchero di canna del commercio equo 125 gr
1 bicchiere di latte
1 bicchierino di cherry homemade
cioccolato 100gr
albicocche secche (un po')
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale


Tritare il cioccolato a pezzettini e metterlo in freezer.
Pesare le farine, miscelarle aggiungendo anche la bustina di lievito e setacciarle per tre volte. Montare, fino a che non sia chiaro, l'uovo con lo zucchero. Aggiungere la ricotta e lavorare a lungo fino a formare una crema. Aggiungere le farine e il latte a poco a poco, mescolando bene. Mettere un pizzico di sale e il liquore. L'impasto è cremoso, ma non troppo fluido. Aggiungere il cioccolato preso dal freezer e le albicocche secche passate nella farina. Infarinare e imburrare una tortiera di 24 cm e infornare per 180° per 40minuti (comunque fare la prova stecchino).

27 commenti:

  1. Lo...le tue parole sono sempre così poetiche, piene di verità e di amore, anche quando parlano di dolore e di sofferenza. Non arrenderti, non arrendetevi... il piccolo gnomo arriverà nel vostro mondo.
    E le tue torte fantastiche lo chiamano!!!! :*

    RispondiElimina
  2. Lo sei una bella persona, davvero...le tue parole parlano per te.
    La torta che bella e che buona...improvvisata così, ma speciale!
    Bacioneeee

    RispondiElimina
  3. mi commuovi....come sempre i tuoi post sanno di amore, di dolore ma di speranza.... sai che anche io ho le mie montagne da salire con Mattia... che fatica ma quando scorgi qualcuno che solleva la corta di da un sorso si quell'acqua di sorgente che ti fà rinascere... proprio in quel momento ci voleva... e benvenuta torta che porti via tutti i dolori e li trasformi in dolcezze per aiutare quel dolce folletto a trovare un pò di zucchero sano...quello che fà star bene... e si ricomincia sempre...
    un grosso grosso abbraccio..

    RispondiElimina
  4. Gallinella:
    SOLO UN BACIONE
    Nino

    RispondiElimina
  5. Lo ma che originale:9 non l'avevo mai vista prima. DEve essere profumatisssima....

    RispondiElimina
  6. ciao Marta parlare con te stamattina mi ha fatto molto bene...noi non ci arrendiamo...figurati!!! un bacione

    Eh si Claud...

    Grazie Simo...io sono bella quanto sei bella te ;)

    Ely ti abbraccio....queste salite saranno faticose ma ce le facciamo tutte!

    Grazie Nino sei un tesoro me lo prendo il bacione!

    Dani...ma grazie..sono molto orgogliosa...perchè l'ho inventata e mi do tante arie...ahahha non pensavo venisse!!! Proprio no! Un bacio

    RispondiElimina
  7. Ho letto tutto d'un fiato... e non so che cosa dirti, se non che ti abbraccio forte.
    Raffa

    RispondiElimina
  8. mia cara amica!!!!!!!!!!!!!!
    per te due abbracci...
    uno per aiutarti a tenere duro........perchè ce la farai..e alla grande!!!!
    l'altro per quella splendida torta che hai inventato (con la speranza che non ti monti la tua gallin-testa)
    d.

    RispondiElimina
  9. Ciao Raffa!!!! Gli abbracci me li prendo...fanno bene!!

    Anche quelli tuoi Dario ..ma ovviamente mi sono già montata la testa ;)

    baci

    RispondiElimina
  10. Lory bella, nelle tue parole leggo un turbinio di sentimenti, emozioni...
    Quello che mi sento di dirti, non conoscendo la tua storia ma avendo avuto la fortuna di averti conosciuta dal vivo, è che sei una bella persona, e che meriti tutto il bello che la vita possa darti!
    Ti bacio!
    Ps. Ma che bella torta ti sei inventata! *___*
    é vero, la cucina è così terapeutica, ti rilassa e ti fa aprire la mente a cose nuove, e positive!
    Ti abbraccio :*

    RispondiElimina
  11. Lo, anche non sapendo le tue parole mi hanno toccato il cuore.
    So che nella vita ci sono gioie e dolori e che solo dentro di noi possiamo trovare la forza per andare avanti. Io credo che questa forza è quella dell'amore e che tu ne abbia tanta nel tuo immenso cuore.
    Un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  12. Lo un grande abbraccione...dolcissima la torta ma soprattutto le tue parole!!

    un bacio grande

    RispondiElimina
  13. Ciao..tu sei venuta a trovarmi ed io ricambio volentieri! Le tue parole sono bellissime e mi toccano molto da vicino..magari un giorno ti parlerò anche io della mia storia..bellissimo anche il nome del blog! Galline!! proprio come ci chiamiamo io e le mie amiche..un bacio a presto. Sara

    RispondiElimina
  14. Michi...hai ragione era un bel turbinio e scriverle, fermarle mi ha a iutat a fare il puntp per andare oltre!! un bacione

    Mucchin abella ch e tnere parole ti ringrazio tantissimo e ricambio il tuo abbraccio!!! un bacio

    Saretta...grazie! Un bacione

    Sara Bicece...grazie per essere venuta qui...benvenuta nel pollaio ad un anuova gallina...mi fa piacere trovarti!!! a presto :)

    p.s. stamattina vado a camminare sotto la pioggia di primavera....una meraviglia!

    RispondiElimina
  15. La torta deve essere buonissima, copiata grazie!
    Per il resto...la vita è una guerra, si entra in trincea ogni mattina, in tutti i sensi...con i sentimenti, con il corpo, con la mente.
    Chi si ferma è perduto!
    Chi si arrende è perduto!
    Non arrenderti e non fermarti mai!

    RispondiElimina
  16. Grazie Michela...e io non mi fermo mai!!! Spero che serva d'esempio...a capire il gusto della vita!

    Grazie Barba e benvenuta! :)

    RispondiElimina
  17. Ciao Lo, scusami se ti rispondo solo ora... ma hai visto peré sono stata impegnata... sono contenta di aver trovato una "parente" foodblogger, tra noi pennuti ci capiamo e a giudicare da questa ricettina mi leggi anche nella mente... mi fa venir vogli di addormentarmici su, sembra così sofficeeee WOW. A prestissimo cugina pennuta, ciaooooo

    RispondiElimina
  18. Ti abbraccio forte Lo..un bacione!

    RispondiElimina
  19. Ciao Gialla ma figurati...dai sei gentilissima!!! E poi una parente laureata...wow! Complimenti ancora per il tuo risultato e a presto!un bacione

    Grazie Night sei splendida! un abbraccio

    RispondiElimina
  20. mi piace per davvero questa preparazione,ha un aspetto fenomenale!!

    RispondiElimina
  21. Ciao Lo, mi dispiace per la tua storia...sai anche io ho perso un gnomo...anzi due...che fare!
    Andare avanti, non abbattersi, essere forti e guardare al futuro... le donne, le mamme sono forti non dimentichiamolo!
    Baci

    RispondiElimina
  22. ciao dolce Gallinella...ti abbraccio forte per il pezzettino della tua storia che mi hai portato...il mio gnomo è qui, spesso però, troppo spesso, la sua mente scappa vola lontano...se lo guardi non sembra più di questo mondo e riportarlo qui è dura...ce la facciamo tra lacrime e sangue, per ora...non voglio che vincano i fantasmi
    Noi siamo su questa strada:
    http://www.affidare.minori.it/
    un bacio carissima

    RispondiElimina
  23. Originale questo dolce la farina di mais nei dolci poi mi piace tanto

    RispondiElimina
  24. Ciao Cocò benevenuta! questa torta come ho già detto è stato un vero esperimento..inventata e mi è andata bene! a presto

    RispondiElimina